Archivi categoria: Contest Internazionali

Corso Istruttori 2007

si terrà un seminario di formazione per istruttori di livello 1 riconosciuti ISA-Surfing Australia
I partecipanti si ritroveranno presso il B2K alle ore 08,45 di venerdì 26 gennaio.
Per chi avesse necessità di pernottamento, sono previste convenzioni alberghiere presso gli hotels:
MIDY (2 stelle) tel. 0584 962479
Singola 45 euro
Doppia 62 euro
Compresa prima colazione
ESPLANADE (4 stelle) tel. 0584 54321
Singola 70 euro
Doppia 90 euro
Suite per tre 110 euro
Suite per quattro 120 euro
Compresa prima colazione
Presso il ristorante del B2K sono anche previsti dei menù a prezzi convenzionati
Infoline: Alessandro Dini: info@alessandrodini.it tel 335 1045342

Corso Istruttori di 1° Livello ISA (International Surfing Association)

Dove: Viareggio, B2K Balena 2000 Via Modena snc (passeggiata di Viareggio) davanti hotel Plaza.
Quando: 26, 27, 28 gennaio 2007

Il Corso sarà impartito dai tecnici SA/ISA Alessandro Dini e Graziano Lai.
Sono previste prove in acqua, per cui è necessario che gli iscritti al corso portino la propria muta, mentre le tavole sono messe a disposizione dal Viareggio Surf Club.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.
I partecipanti che sono in possesso del patentino di addetto al salvamento, una volta presentato e superato l’esame scritto, potranno ricevere il brevetto di insegnante ISA di 1° Livello.

Gli altri, lo riceveranno non appena ne entreranno in possesso e ne invieranno copia.

La quota di partecipazione ammonta a 250,00 euro, quota che comprende il materiale tecnico (manuali ISA, diploma, inserimento nominativo sul sito di Surfing Australia con riconoscimento ISA). Sono esclusi vitto e alloggio, ma sono state stipulate convenzioni a tariffe agevolate (vedi notizia precedente). L’iscrizione sarà ritenuta completa al ricevimento del vaglia postale di 250,00 euro da inviare entro il 19 gennaio 2007 (anticipato da conferma e-mail) a:

Viareggio Surf Club
Via Etruria, 24
55049 Viareggio (LU)

Causale: 3° corso Istruttori ISA

corso_ISA

Il Surf School ISA program prevede corsi annuali di aggiornamento (refreshments) e si svilupperà nell’arco di 3 anni, fino a formare istruttori e coach di 2° e 3° livello internazionale.

Aggiornamenti sul sito www.surfingitalia.org

Cordiali saluti,

Alessandro Dini

Fonte: www.surfingitalia.org

********************************

MODULO ISCRIZIONE

Io sottoscritto:

Nato a:
In data:
Residente:

Dichiaro di volermi iscrivere al 3° Corso Istruttori Surfing Australia/Isa in programma a Viareggio il 27 e 28 gennaio 2007

Invierò entro il 19 gennaio 2007 Vaglia Postale di euro 250,00 che comprende l’iscrizione al Corso e il materiale incluso (Manuali, Libro Verifica, Attestato Partecipazione).

Dichiaro di saper nuotare bene e di essere in possesso delle manovre base del repertorio surfistico e di praticare questo sport da anni:___

e-mail address:

cellulare:

telefono fisso:

In Fede:

ISA WORLD SURFING GAMES

ISA WORLD SURFING GAMES HUNTINGTON BEACH, CALIFORNIA

ISA California

DAY 9

Ultimo giorno di gara, si assegnano i titoli di 5 discipline e quella a squadre, ma all’alba ci rendiamo conto che c’è un sacco di nebbia, che interromperà spesso la competizione.
Il livello degli atleti è altissimo, ma non è la migliore giornata per fotografare, anche se per voi l’ho fatto lo stesso.

SCORE:
Open men:
1st place : Jordy Smith, South Africa, pts 15.43.
2 nd place : Luke Stedman, Australia, pts 10.00.
3 th place : Pat O’Connell, USA, pts 10.00.
4th place : Armando Daltro, Brasil, pts 6.50.

Open women:
1st place : Julia Christian, USA, pts 13.43.
2 nd place : Jacqueline Silva, Brasil, pts 13.33.
3 th place : Rosanne Hodge, South Africa, pts 13.43.
4th place : Courtney Conlogue, USA, pts 6.73.
BBmen
1st place : Manuel Centero, Portugal, pts 14.00.
2 nd place : Hugo Pinheiro, Portugal, pts 12.57.
3 th place : Andrew Lester, Australia, pts 12.50.
4th place : Alvaro Padron, Spain, pts 10.07.
BBwomen
1st place : Kira Llewellyn, Australia, pts 12.43.
2 nd place : Neymara Carvalho, Brasil, pts 11.23.
3 th place : Natasha Sagardia, PRI, pts 9.96.
4th place : Heloise Bourroux, France, pts 9.10.
Long
1st place : MATHEW MOIR, South Africa, pts 14.50.
2 nd place : BENJAMIN SKINNER, UK, pts 14.16.
3 th place : HARLEY INGLEBY, Australia, pts 11.67.
4th place : BONGA PERKINS, Hawaii, pts 8.90.

DAY 8

Oggi le heat iniziano alle 07,00, ma l’ISA utilizza solo il campo n°1, i primi ad entrare in campo sono gli uomini della categoria Short, 4 batterie al fulmicotone, spesso bisogna attendere la fine per sapere chi passerà il turno. I fratelli Hogbood, C. Wards, P. O’Connell, J. Wilson, J. Smith, ma anche tanti altri giovani Brasiliani, Australiani e Hawaiani, fanno divertire il pubblico sulla spiaggia e sul pier, e noi fotografi, scattiamo migliaia di foto su ogni loro onda.
Alle 08,20 per noi Italiani arriva un momento la bella e giovane Agostina Pellizzari deve entrare in acqua al round 5, passare questo turno significherebbe tanto per lei, ma soprattutto per tutta la squadra, che la incoraggia dalla riva.
La Brasiliana De Souza, si mette subito in mostra facendo tubi, floater e off the lip, e balza al primo posto. Le altre tre sono più o meno sullo stesso livello, la Peruviana Malpartida, prende due belle onde; la nostra Agostina attende onde più grosse per surfare come sa fare lei, ma le onde gli si chiudono tutte dopo la prima manovra e così si avvantaggia la Giapponese Kumazawa, che prende onde piccole più nell’inside surfandole fino a riva e questo gli permette di arrivare seconda e passare il turno.
A riva Agostina è accolta come una trionfatrice da tutta la squadra, anche se le cose non sono andate nel migliore dei modi, con questa heat la Nazionale Italiana, termina il cammino in questo campionato del mondo, ma a testa alta, per la prima volta nella storia della nostra nazionale ai campionati mondiali, abbiamo eliminato concorrenti Francesi, Spagnoli, Hawaiani e di molte altre nazioni.
Domani ci sarà un comunicato con le foto e i risultati della competizione.

DAY 7

Le previsioni per oggi davano mare in calo con vento da terra al mattino e da mare nel pomeriggio, così tutti i ragazzi hanno deciso di alzarsi presto per surfare l’ottima condizione del mattino.
Alle 08,20 nel campo 2, Luciano Cherubini, tentava di risalire posizioni nel girone dei ripescaggi, ma aveva un Brasiliano bravissimo e avvelenato, e così intelligentemente ha giocato la sua heat, sul l’Ecuadoregno, ma nonostante un big Floater, e diversi Hang five, non riesce a passare il turno e così resta fuori dal tabellone anche lui. Durante una session di freesurf, Andrea Cannavò si è procurato una contusione del collo e della spalla destra, mentre surfava un’onda close out, di notevole misura.
Le nostre ragazze, gareggiavano tutte e tre nel pomeriggio, e come avevano previsto, il mare è peggiorato, ma loro non si sono date per vinte e ci hanno regalato forti emozioni. Si sono battute con le unghie battendo le loro colleghe, e spesso costringendole all’errore e così sono passate tutte e tre.
Nonostante le brutte condizioni del mare, le tre ragazze del Team Italiano, ci hanno regalato forti emozioni, sconfiggendo dopo una dura lotta le brave avversarie molto temibili. Perciò grazie alla quota rosa della squadra rimaniamo nella fase finale della competizione. In c..o alla balena…

DAY 5

Nelle gare di questo tipo ISA o ESF, dove si gareggia per nazioni e non per team, gli atleti più bravi con le tavolette le snobbano (tranne gli atleti USA), ciò non succede tra i Bodyboard, infatti oggi i nostri portacolori, Genesio Ludovisi e Andrea Cannavò, avevano contro il gotha della loro disciplina.
Genesio nella prima heat, si trova contro Yeray Martinez (E), Hugo Pinheiro (P) e Wesley Fisher (ZAF), con una condizione veramente spettacolare, onde con set di oltre due metri e vento da terra, ma nulla può contro i suoi idoli, e infatti dovrà continuare nei ripescaggi.
Andrea non è più fortunato e infatti ha contro il campione europeo 2006 Manuel Centeino (P), anche nella sua heat le onde permettono manovre molto spettacolari, tube riding, ARS, back flip e rollo a volontà, ma anche Andrea dovrà continuare nei ripescaggi.
Intanto nel campo 1, ci sono ancora due azzurri, Francesco Palattella che surfa benissimo, floater, Off thje lip e tubi, ma nonostante ciò deve lasciare definitivamente la competizione.
Alfo Scavone, non sfrutta bene i set di onde che arrivano durante la sua heat, entra in diverse caverne, ma non esce mai fuori a differenza dei suoi avversari e così termina anche la sua gara.
Il mare continua a mandare per quasi tutto il giorno set di onde tubanti, per la gioia di spettatori, atleti e fotografi, ma proprio, mentre sta per rientrare Genesio il vento gira di 180°, e rovina tutte le onde e non gli permette di surfare come sa lui, a terra il tifo era a mille ma non è servito a nulla, anche Genesio saluta il suo primo campionato del mondo.
La heat di Andrea è l’ultima del giorno qui ad Huntington, e nonostante siano batterie di ripescaggio, c’è ancora gente del calibro di Andrew Lester, che surfa Pipe in piedi con il Bodyboard, e così Andrea china il capo e lascia anche lui la compagnia. Speriamo in una giornata più fortunata per i nostri colori.

DAY 4

Oggi tocca alle nostre ragazze entrare in acqua nel campo 2 , e subito Agostina Pellizzari fa una buona heat e passa il turno, poi tocca alla sorella Ornella, che fa ancora meglio e vince la heat, nonostante, la Sud Africana ci abbia messo tutto l’impegno per vincere.
Intanto nel campo uno, dopo il terzo turno di qualificazione, dove si sono visti numeri di alto livello, tocca a Lorenzo, Francesco e Antimo.
Il primo ad entrare in acqua è Lorenzo, ma nulla può contro avversari di tutto rispetto e soprattutto, con un mare difficile da surfare.
Francesco, invece entra in acqua più aggressivo e proprio con l’ultima onda allo scadere del tempo si riprende la seconda posizione.
Antimo entra in acqua nel momento peggiore, bassa marea e vento da mare, e anche a causa del suo fisico, non adatto a queste onde, termina la batteria terzo, ma il secondo posto è a soli pochi centesimi di punto.
Nel pomeriggio tocca di nuovo alle due ragazze, che trovano più difficoltà a causa delle pessime onde e delle avversarie agguerritissime, non riescono a continuare nel main event, e così domani continueranno nel girone dei ripescaggi.
Qua in California, patria del surf, abbiamo incontrato, grazie al tam tam di mail, tra la Federazione, e le Associazioni di Italo/Americani, un calore che non ci aspettavamo, persone che hanno messo a disposizione nostra, casa, auto e amicizie varie, che ci hanno permesso di avere Casa Italia, a pochi metri dallo spot, e a 4 soldi.
In cambio gli abbiamo portato una ventata d’Italia, soprattutto per quelli che quaggiù vivono da oltre 40 anni, una cosa veramente bella e commovente per loro ma anche per noi.

DAY 3

Oggi nei due campi gara, c’era la disciplina più seguita e forse più importante dei Campionati, la cat. Short Open, i nostri 4 alfieri, avevano di fronte a loro atleti di tutto rispetto, ma nonostante ciò Alfo Scalone, passa il turno come secondo anche se per tutta la heat, relega il campione Sud Africano Jordy Smith dietro di lui. Le cose non vanno bene per i due toscani, e per Antimo Vallifuoco, che non si trovano a loro agio con le onde non troppo belle durante le loro heat. Quest’anno gli Stati Uniti vogliono vincere in casa, anche perchè devono risalire nel ranking mondiale, pensate sono solo avanti a noi di una posizione, diciannovesimi; infatti tra i loro atleti vediamo i nomi di D. Hobgood, C.J. Hobgood, Pat O’Connell, Chris Ward, Colin Mc Philips, forse non sarà il massimo della sportività… Nel pomeriggio Alfo incontra proprio uno di questi, Pat O’Connell, però lui surfa senza timore, infatti per tutta la heat è secondo, fino a pochi minuti dal suono della sirena, quando l’Inglese Jonny Fryer, prende una buona onda e lo scavalca per 0,1 punti, peccato.

DAY 2

Oggi è stato il primo giorno di gara, e noi avevamo 4 atleti, Luciano Cherubini nel Longboard alle 08,00, Genesio Ludovisi Bodyboard alle 09,00; Andrea Cannavò alle 12,00 e Luna Montigo alle 14,00. La batteria di Luciano sulla carta non è delle più difficili, infatti rimane in gara quasi fino al momento in cui il Dominicano Alvarez,lo marca stretto, per paura che il nostro portacolori, passasse il turno, ma si dimentica del Messicano, che li beffa entrambi. Gara a se per il Sud Africano che stravince la heat, anche con onde con voto oltre il nove, e perciò Luciano riprende il cammino dai ripescaggi. Alle nove entra Genesio in acqua, il più simpatico del gruppo, un vero personaggio, per lui è tutto più semplice, perché lo svizzero Gerber non si presenta e passa il turno dietro ad un Brasiliano fortissimo. Anche per Andrea, la heat si presenta abbastanza facile, anche se interpreta male le onde, ma comunque passa il turno. Nel primo pomeriggio Luna si ritrova in una batteria con tre mostri sacri del Body femminile, ma lei non si fa intimorire, e rimane sempre seconda dietro alla Francese Borroux , fino al termine della heat, quando l’Hawaiana Baltazar, prende un onda che manda la nostra Luna nel girone dei ripescaggi. Domani entrano in gara anche gli altri azzurri, e speriamo in una bella giornata di surf carico di soddisfazioni per noi azzurri.

DAY 1

Day 1 – 14 Ottobre 2006 La squadra italiana, si è ritrovata tutta all’aeroporto di Los Angeles, e da lì abbiamo raggiunto la famosissima cittadina di Huntington Beach. Gli atleti i primi due giorni hanno avuto un po’ di libertà, per recuperare le nove ore di fuso orario, facendo le loro session di surf, provando il campo gara, e trovando subito quello spirito di cameratismo, e di complicità, che ci fa sperare in un buon risultato. Oggi pomeriggio alle 14,00 tutte le nazioni hanno sfilato sul pier e poi tutti raccolti per la cerimonia inaugurale dei giochi. Dopo aver unito tutte le sabbie del mondo, ci sono stati i discorsi del Sindaco, dell’Head Judge, il giuramento degli atleti, letto da Julien Wilson (Camp. Mondiale ISA Junior 2006), l’inno degli Stati Uniti, alla fine c’è stato il discorso di Fernando Aguerre (Presidente ISA), che ha voluto evidenziare l’importanza di questo tipo di gare a differenza di altre, dove i protagonisti, oltre agli atleti non sono le aziende con i loro business, ma le nazioni con le loro culture e che in questi 15 giorni, sono tutte raccolte in una spiaggia …

Comunicato Ufficiale:

Mancano pochi giorni all’inizio del ISA WORLD SURFING GAMES 2006, che si terrà in California e più precisamente ad Huntington Beach. Anche quest’anno la squadra italiana parte per fare la sua degna figura, e con la speranza di migliorare la posizione nel Ranking mondiale. I ragazzi convocati scalpitano per surfare, la dove tutto è iniziato. Dispiace per i ragazzi che per tanti motivi non saranno in California a difendere i colori Italiani. Quest’anno abbiamo anche grosse novità in fatto di sponsorizzazioni, innanzituto Cinzano, che ha voluto supportare la nostra Nazionale, e poi ci sono alcune aziende extra settore che stanno firmando importanti contratti di sponsorizzazione, speriamo bene.

Team Manager: Maurizio Spinas.

Assistent Team Manager: Leonardo D’Angelo.

Relazioni Esterne: Carlo Piccinini.

Open Men: Alfo Scavone, Francesco Palattella, Lorenzo Castagna, Fabrizio Cecilia.

Surf Ladies: Ornella Pellizzari
Agostina Pellizzari.

BodyBoard Men: Genesio Ludovisi, Andrea Cannavò.

BodyBoard Lady: Luna Montico.

LongBoard: Matteo Mastino

www.Fisurf.it

Italia Surf Expo 06

GRANDE SUCCESSO PER ISE 2006 AL BANZAI BEACH

ISE Staff

L’ottava edizione di Italia Surf Expo chiude i battenti tra lo stupore del pubblico nel vedere per la prima volta a Banzai così tanti eventi spettacolari.

Motocross FreestylerSi è conclusa domenica 30 luglio con un successo notevole in termini di affluenze e di eventi svolti, nonostante la pioggia pomeridiana di sabato 29 ed il forte vento di domenica, la manifestazione italiana dedicata al surf.
Il villaggio si presentava molto ben curato con diverse aree attrezzate: area espositiva, area demo X Box 360, 2 aree ristoro, area discoteca, area on the beach per i corsi di surf, zona Freestyle Moto X, palco per le sfilate, mega schermo per le proiezioni cinematografiche e poi l’area Fanta free orange, area con le automobili Honda, e ovviamente tanto mare.
La location è stata perfetta per le diverse attività in programma, a partire dalla scuola surf con un successo incredibile di adesioni ai corsi “Da Kine Free Surf ISE”, in collaborazione con il Santa Marinella surf club, Barefoot school e Windsurf Paradise. Ben 113 allievi provenienti da tutta Italia hanno provato a surfare le onde di Banzai, spiaggia famosa proprio per il surf che per i tre giorni di ISE ha regalato progressivamente le onde giuste per imparare.

IndoboardVenerdi 28 luglio
Già dal venerdi 28 si è iniziato subito con un programma fitto di eventi con le modelle in prima linea guidate dallo speaker ufficiale Dylan di RDS, subito destando un forte interesse tra i visitatori. Le 4 ragazze si sono sciolte subito, sin dalla prima sfilata in costume e hanno presentato diverse linee d’abbigliamento tra cui: Mutation, Bon Bon, Wave etc.
In serata, dopo la fine del secondo corso di surf, è stata la volta dell’ISE Film Festival con la proiezione del documentario-film “Dogtown and Z Boys” sul grande schermo all’aperto. Un momento di relax dove il pubblico si è raccolto attorno al mega schermo e ha potuto assaporare, con una Nastro Azzurro in mano, guardando immagini storiche della nascita dello skate in America.
Appena finito il film è stato presentato in anteprima il progetto “Surf Park 2008”, ovvero la costruzione della prima piscina con onde artificiali in Europa. Il presentatore. Lorenzo D’amelio, ha illustrato, al folto pubblico, il progetto con slide e video rendendo perfettamente l’idea di quello che potrebbe essere l’investimento più alto per questo sport in Italia. La location scelta è Roma, non a caso la capitale conta un numero altissimo di praticanti.
In molti, tra uno spettacolo e l’altro, hanno approfittato per fare shopping visto anche i buoni prezzi degli espositori-negozianti. In tanti, invece, hanno provato l’Indoboard, il simulatore del surf fatto di una tavola in legno e un rullo sul quale rimanere in equilibrio.
La serata entra nel caldo con un’altra sfilata delle modelle in passerella in versione “fashion”, e successivamente con il concerto del gruppo romano NH3 tra chitarre elettriche e rock sound. Verso la mezzanotte inizia il primo dei Fanta free beach party con il dream-team dj’s K beat e King Born, si è ballato fino a tarda notte passando per R&B, House, Hip Hop e Rock.

Stands ISE 06Sabato 29 luglio
Il giorno centrale di ISE06 con tantissime iniziative pronte a partire, ha avuto un momento di rallentamento a causa della pioggia insistente, poco frequente di questi tempi. L’eccitazione per l’arrivo della rampa e dei piloti di Freestyle MX era alta e tutti volevano vedere lo spettacolo fino ad oggi mai visto a Santa Marinella. Sulla piccola porzione di spiaggia di Banzai, con un terreno fatto di sassi e ciotoli, i piloti hanno realizzato una pedana in legno per il lancio su rampa. L’atterraggio, invece, sul dorso di un bilico da 18 metri comandato elettricamente. Insomma una struttura immensa proprio a Banzai regno del surf. Ma le altre attività erano sempre in ON, e quindi ancora sfilate delle bellissime ragazze in bikini sempre più a loro agio. Nel frattempo tra gli stand si aggirava la troupe di All Music per la realizzazione di un servizio speciale che andrà in onda a metà settembre nella trasmissione “All Moda”. La presenza del giovane vice Sindaco, Massimiliano Fron! ti, ha dimostrato ancora una volta quanto la città di Santa Marinella ci tenga a divenire un punto di riferimento nazionale per il surfing.
L’angolo dei graffiti ha visto 3 ragazzi conosciuti nel mondo dei writers. Paolo”GoJo”, Walter “Teddy Kyller” e Velio “Jaws”. Tre artisti di strada armati di colori spray con un tema da seguire: il surf. Vincono un viaggio per Barcellona, città ricca di graffiti, offerto dalla Grimaldi Ferries Prestige sponsor di questo particolare evento.
Al tramonto prima session FMX con Miki Monti, Alex Prinzis e Carlo Caresana, con lo speaker Michele Fabozzo, hanno fatto subito capire che non si sarebbe scherzato…salti impressionanti tra le urla del pubblico riunitosi intorno alle rampe. Dopo aver preso le giuste misure i piloti si sono gasati saltando sempre più in alto con trick impossibili.
Subito dopo lo show FMX parte il live dei Videodrome con i loro suoni elettronici quasi psicadelici a riscaldare i “motori” dei tanti arrivati per la festa che sarebbe partita da li a breve.
Il dream-team di K beat e Born King si ripete con l’aggiunta del percussionista Pachi, del Fanta team, per una session indimenticabile difficile da descrivere con oltre 800 persone in pista ballando in tutti gli stili e pieno di belle ragazze.

Domenica 30 luglio
La giornata conclusiva era attesa da molti per vari motivi. In programma la gara di paddling più massacrante dell’anno: Iron Surfer 2006, organizzata dal Santa Marinella Surf Club e sponsorizzata da Surfcamp.it. Un ricco premio, una settimana in Portogallo, ha invogliato 12 surfisti nel tentativo di coprire il percorso triangolare delimitato con boe nel minor tempo possibile. La sicurezza in mare è stata coperta con una moto d’acqua del Santa Marinella Surf Club che ha assistito tutti gli atleti in gara fino alla fine della competizione. Come prevedibile vince di misura Roberto D’amico, già vincitore dell’ Iron Surfer 2004 nella sua categoria, superando niente di meno che Manuel Maffei nell’ultimo tratto di gara. Roberto ha impressionato la sicurezza e la tattica di gara che al traguardo è arrivato sorridente e poco affaticato mentre gli altri avevano accusato molto la fatica quasi tutti sono arrivati con la lingua fuori dalla bocca.
Un altro appuntamento spettacolare attesissimo era il Freestyle Moto X che purtroppo ha subito un rallentamento a causa del vento teso. La sicurezza dei piloti non era garantita e la stessa organizzazione ha deciso di sospendere i salti fino a che non fosse cessato il fastidioso vento. Ma ISE è inarrestabile e quindi avanti con gli altri eventi. In esclusiva nazionale direttamente dagli USA è stato proiettato Miles To Surf, film documentario sul surf alternativo ovvero la possibilità di surfare dietro grandi petroliere, o nei fiumi con onde statiche, o trovare onde di marea come a Pororoca in Brasile.
Il vento cessa del tutto e i motori delle moto gridano vendetta. Miki, Alex e Carlo si lanciano quasi senza nemmeno aspettare il segnale di inizio sulla rampa illuminata a giorno e via con Rock Solid, Crazy Cow, Cordova, Mc Metz senza interruzioni a dimostrazioni del fatto che anche i piloti avevano voglia di fare spettacolo. Dalla rampa venivano lanciati i gadget Honda verso il pubblico in totale estasi. Non è facile vedere questo spettacolo in riva al mare con i migliori piloti di freestyle. Questa nuova edizione ISE06 è stata apprezzata per l’atmosfera che si respirava, in armonia con l’ambiente circostante e i tanti momenti di intrattenimento per il pubblico dove finalmente si poteva comprare del prodotto e nello stesso tempo passare delle giornate in pieno relax gustandosi il vero life style che gira attorno a questo sport. Appuntamento al prossimo anno con ancora più sorprese e divertimento per tutti. www.italiasurfexpo.it

A cura di ISE press
Foto di A. Ronchini

Patrocinio
Comune di Santa Marinella
Surfing Italia

Main sponsor
Honda automobili Italia

Sponsor
X – Box
Fanta Free orange
Nastro Azzurro
Radio Dimensione Suono
Santal
Grimaldi Ferries Prestige
Da Kine
Surfcamp.it
Mutation – Roma
Wave shop – Albano Laziale
Le Ragazze – Santa Marinella
Dirty – Fiumicino
Indoboard